Manutenzioni ottobre novembre dicembre

OTTOBRE

Il primo mese dell’autunno è caratterizzato da rallentamento

progressivo e arresto della vegetazione, maturazione dei frutti e caduta

delle foglie. È sicuramente l’epoca in cui le foglie sono più belle, in

modo particolare quelle degli aceri che assumono splendide tonalità dal

rosso all’arancio.

Soprattutto al nord questo mese porta con sé i primi freddi e le piante si

preparano ai rigori invernali.

Nelle regioni del centro-sud, invece, ottobre è un mese in cui molte

piante continuano a vegetare, grazie alle temperature sensibilmente più

alte rispetto al nord; di conseguenza, gli interventi da effettuare vanno

decisi osservando il clima del luogo e non il calendario.

Innaffiamento

Gli alberi iniziano ad entrare in riposo vegetativo, la necessità di acqua

sarà minore, pertanto è possibile eliminare i sottovasi per evitae

l’accumulo di un eccesso di umidità nelle radici. Non avviene la stessa

cosa per le specie da interni le quali dovranno essere riposte in casa.

Fitosanitari

Non sarà necessario usare un insetticida, ma un fungicida sistemico.

Fertilizzanti

L’apporto di fertilizzante prosegue per tutto il mese, fino a quando le

temperature si mantengono alte, usando concimi con un'alta

percentuale di potassio, per aumentare la resistenza dei tessuti

vegetali; se invece inizia a far freddo è consigliabile sospendere le

concimazioni, che andranno riprese in primavera.

Concimare leggermente conifere e specie da interno. Da novembre a

marzo non occorre dare fertilizzanti.

Lavori da fare

E' un mese adatto al trapianto di piante da frutta ed a foglie caduche.

Per le conifere potremo attendere, fino alla fine di questo mese o

all'inizio del prossimo. In ottobre si fa la potatura dei grossi rami dei

pini, poiché la linfa non circola più abbondante, i pini potati

drasticamente dovranno essere un po' riparati in inverno.

È opportuno predisporre un luogo riparato dalle prime gelate notturne e

preparare quindi una serra fredda.

È opportuno rimuovere dai vasi sia le foglie morte e sia gli eventuali

frutti caduti, in quanto possono divenire, con la decomposizione, causa

di sviluppo di malattie crittogamiche.

Le giornate si accorciano e le temperature calano, perciò, i bonsai

vanno collocati in pieno sole per sfruttare al massimo la minore

insolazione e il poco calore autunnale. Inoltre, nelle regioni più fredde, i

bonsai da interno (Ficus, Serissa, Carmona ecc.) vanno riportati in casa

quando le temperature scendono sotto gli 8 gradi.

si possono iniziare a potare le piante sempreverdi verso la fine del

mese; per le caducifoglie, invece, conviene aspettare che siano spoglie,

sia per vedere meglio la struttura del bonsai, sia per essere certi che la

vegetazione si sia arrestata.

 

 

NOVEMBRE

Specialmente di notte Arriva l’inverno, la temperatura scende a livelli

bassi per parecchie essenze, perciò è opportuno che i bonsai “da

interno” più delicati (Ficus, Carmona ecc.) vengano portati in casa e

posizionati in zone luminose.

Tutti gli altri bonsai vanno riparati in serra fredda (non riscaldata) o,

almeno, sotto una tettoia, balcone ecc.

La parte più delicata per i bonsai lasciati all’aperto, è l’apparato radicale,

quindi sarebbe opportuno coprire i vasi con un materiale isolante come

argilla espansa, polistirolo, foglie, ecc.

Entro questo mese tutti gli alberi a foglia caduca devono restare senza

foglie o averle già ingiallite. Il freddo comincia a farsi sentire ed i bonsai

devono essere protetti, soprattutto quelli da poco trapiantati.

Innaffiamento

In generale valgono gli stessi principi esposti per il mese precedente,

quindi, poca acqua in quanto mantenere troppo umido il pane radicale,

favorisce le malattie crittogamiche in particolare proprio dell’apparato

radicale.

Fitosanitari

Non sarà necessario l'uso di fungicida. Basterà l'applicazione di olio. Per

le piante a foglia caduca, ora senza foglie, è l’occasione per un attento

esame della corteccia, dove potrebbero annidarsi larve di afidi e

parassiti in genere.

Fertilizzanti

Da questo mese tralasceremo la concimazione fino all'arrivo della

primavera.

Lavori da fare

Questo è l'ultimo mese in cui si può trapiantare. Si consiglia di farlo

soprattutto per pini e conifere. Proteggeremo i pini recentemente

trapiantati. Possiamo anche potare ed avvolgere: ora , però, i rami

saranno meno flessibili.

Ritirare le piante non significa metterle in serre o ambienti riscaldati, in

quanto darebbero come risultato una alterazione del ciclo vegetativo.

Bisogna porle in locali freschi e arieggiati ove la temperatura non superi

gli 8 °C.

Le parti di legno in cattive condizioni verranno eliminate e le ferite

spalmate con mastice.

La potatura di formazione, in particolare per le latifoglie, può cominciare

in questo periodo per una correzione dei rami, mentre il taglio

eventuale dei rami principali deve avvenire verso la fine dell’inverno,

prima della ripresa vegetativa.

 

 

DICEMBRE

Tutti gli alberi devono ora rimanere in letargo. Nelle zone fredde,

devono essere protetti, in modo da non essere colpiti dalle gelate. I

bonsai da interno devono ricevere quanta più luce possibile e non

devono essere esposti a correnti di aria fredda, né al calore diretto del

riscaldamento.

Innaffiamento

Per le piante in interno, annaffiare abbondantemente, ma solo

quando il terriccio è veramente asciutto; per umidificare l’aria

circostante, seccata dai termosifoni, è conveniente mettere

dei sottovasi riempiti di ghiaia umida sotto ai bonsai. All’esterno,

ricordarsi di annaffiare la mattina tardi, in modo che la notte, quando il

pericolo di gelate diventa più reale, il terriccio abbia drenato tutta

l’acqua in eccesso.

Fitosanitari

Potremo eventualmente eseguire un'applicazione di fungicida; di

insetticida non è necessario. Questo è un mese di riposo.

Fertilizzanti

Anche in questo mese non sono necessari fertilizzanti in quanto tutte le

piante sono assolutamente a riposo.

Lavori da fare

Si possono eventualmente proseguire le operazioni di formazione delle

conifere, come la legatura con filo di rame, avendo cura però di lasciare

il filo abbastanza allentato in modo che alla ripresa vegetativa non risulti

troppo stretto, provocando l’incisione della corteccia.

Se dobbiamo impostare un bonsai, questo è il periodo migliore, sia

perché le piante senza foglie lasciano vedere bene tutta la struttura, sia

perché trovandosi “a riposo” possiamo potare anche grossi rami, o

effettuare il rinvaso, senza che i bonsai ne risentano.

Home page gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!